rotate-mobile
Salute

Ferrara è città cardioprotetta: ecco dove troveranno posto 25 defibrillatori

Decise le zone dove sorgeranno le colonnine salvavita: l'elenco di vie e parchi

Il progetto ‘Ferrara città cardioprotetta’ entra nel vivo. Sono stati infatti definiti punti strategici ad alta frequentazione in cui installare nuove colonnine contenenti defibrillatori semiautomatici, utilizzabili in caso di emergenza anche dai cittadini in attesa dei soccorritori. Le aree individuate sono complessivamente 25, in cui rientrano 6 frazioni.

A seguito di diversi incontri fra operatori comunali e sanitari, l'amministrazione e l'Ausl stanno contestualmente definendo un protocollo d'intesa per regolamentare con la Centrale Operativa del 118 la mappatura, il monitoraggio della funzionalità e la manutenzione delle apparecchiature salvavita (quest’ultima verrà effettuata ogni 15 giorni).

Le zone centrali

Le installazioni delle apparecchiature, dotate di piastre che ne consentono l'utilizzo pediatrico, avverranno a partire da aprile. I defibrillatori verranno disposti capillarmente sul territorio, sia dentro che fuori le Mura. Per quanto riguarda la parte più centrale della città, gli apparecchi saranno messi in piazza Municipale, nel cortile interno del Castello Estense, nei giardini di viale Cavour, in Piazza XXIV Maggio (Acquedotto), in piazza Travaglio-via Kennedy, in Galleria Matteotti ed in piazza Ariostea.

Parchi e aree verdi

Non verranno trascurati, come detto, nemmeno i parchi e le aree verdi. Defibrillatori verranno quindi posti al parco Coletta, al parco Massari, al parco Bassani e lungo la cinta muraria, nello specifico nei pressi della Porta degli Angeli (Casa del Boia), della Porta San Pietro e del Torrione di San Giovanni.

Periferie e frazioni

Le altre zone che rientrano nel progetto sono viale Alfonso I D'Este, Autostazione delle corriere, Piazzale dei Giochi (Motovelodromo), via Bologna all'altezza della chiesa della Sacra Famiglia, via Barlaam in corrispondenza del centro ‘La Piramide' e nei giardini ex Zenith in via Caldirolo. Le 6 frazioni sono invece Porotto, Malborghetto di Boara, Cona, Francolino, Gaibanella e San Bartolomeo in Bosco.

Le dichiarazioni

“Per la città di Ferrara - spiegano il vicesindaco, Nicola Lodi, e l'assessore alle Politiche sociali, Cristina Coletti - è un passaggio fondamentale, che giunge dopo mesi di dialogo con il personale del 118. L'obiettivo dei prossimi mesi sarà coinvolgere la popolazione in attività di sensibilizzazione e di utilizzo dei defibrillatori, che se impiegati nel modo giusto possono concretamente salvare delle vite umane”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrara è città cardioprotetta: ecco dove troveranno posto 25 defibrillatori

FerraraToday è in caricamento