rotate-mobile
Arte / Giardino-Arianuova-Doro / Via Mario Poledrelli, 21

Factory Grisù, un ciclo di seminari sull'uso del digitale nell'arte

Gli appuntamenti artistici si articoleranno da aprile a giugno

Con la nuova direzione artistica di Alessio Papa, attore del Teatro del Lemming e nell'organizzazione del Festival Opera Prima, il Consorzio Factory Grisù, in via Mario Poledrelli 21, torna a ospitare il linguaggio dell'arte contemporanea

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Una finalità perseguita attraverso l'inaugurazione di un ciclo di seminari e opere che, pur inserendosi nell'ampio spettro dell'uso del digitale in campo artistico, si interrogano su come l'universo digitale, dalla comunicazione online alla costruzione di contenuti abbia influenzato il modo in cui viene percepito e rappresentato il corpo, la costruzione della propria identità, l'espressione dei sentimenti e le modalità di relazione. 

Si parte il 27 aprile alle 10.30 in Sala Macchine con il Workshop Punto linea superficie, un dialogo sulla produzione e sulla circuitazione delle opere artistiche contemporanee. Ne parlano Sara Ricci, curatrice di Zanzara arte contemporanea, Aurora Kellerman, direttrice del Tatwerk Performative Forshung di Berlino e Chiara Elisa Rossini regista di 'Welcome Project. The foreigner's theatre'. Proprio di 'Welcome Project' è la prima performance presentata nella rassegna. 

Si tratta di 'Never be loney again. Intimacy in the age of machine', in scena il 27 e il 28 aprile con 10 repliche al giorno dalle 16 alle 22. La compagnia, con sede a Berlino, presenta un lavoro per uno spettatore alla volta che mette al centro della drammaturgia una domanda che il nostro tempo presente e l'immediato futuro sembrano porci con urgenza: possono le macchine sostituire gli esseri umani nelle relazioni intime? Infatti, sempre più spesso si cerca di colmare la solitudine e la mancanza di affetti con l'utilizzo di macchine intelligenti. Lo spettacolo è pensato come evento one-to-one nel quale lo spettatore sarà invitato, in un'ambientazione futuribile, a incontrare una macchina in grado di diventare una compagna insostituibile, capace di creare intimità con gli esseri umani.

Il 4 maggio la rassegna ospita Kamilia Kard, tra le più influenti digital artist odierne. La mattina, alle 10.30 in Sala Convitto, Kamilia conduce il workshop 'Doppi digitali. Movimento e gestualità nel metaverso', durante il quale verrà creata una mappa di gioco collettiva con animazioni originali. Durante il laboratorio, i partecipanti saranno invitati a riflettere sulle conseguenze motorie e gestuali del comportamento proposto, quando questo viene tradotto in digitale da un'intelligenza artificiale, e a produrre dei movimenti coerenti con lo stesso. Questo lavoro sarà alla base della performance presentata alle 21 in Sala Macchine: 'Toxic garden. Dance dance dance'. Una performance partecipativa in cui gli spettatori sono guidati dall'artista a interagire tra di loro online nel metaverso danzando insieme e in sincronia con i suoi movimenti.

Il 4 maggio è una giornata dedicata alla danza. Alle 19.30, infatti, il piazzale di Factory Grisù ospiterà 'Organicoelettronico'. Un laboratorio di improvvisazione fisica e sonora con il lavoro 'Traiettorie'. Un concerto danzato, la restituzione del percorso laboratoriale che 'Organicoellettronico', guidato da Alessandra Fabbri e Lucien Moreau, ha condotto negli spazi di Grisù negli scorsi mesi. Il 5 maggio è la volta di Officina teatrale Actuar che presenta alle 21, in Sala Macchine, 'Male bianco', un lavoro liberamente ispirato a 'Cecità' di José Saramago, ulteriore esito di un percorso laboratoriale che Grisù ha ospitato a partire da ottobre.

L'11 maggio si prosegue con il workshop, condotto da Rita Bertoncini, sul 'Cinema del reale'. Un'occasione per i partecipanti per interrogarsi sull'arte di raccontare e documentare le storie. Nella stessa giornata, poi, verrà inaugurata la mostra 'Memorie dal popolo. Emancipazione, partecipazione, educazione: le case del popolo a Ferrara prima e dopo il fascismo'. La mostra, parte di un progetto più ampio di Collettivo Cumbre e prodotto da Legacoop, è l'occasione per raccontare un periodo del Novecento componendo, con le testimonianze, le immagini e i suoni, un mosaico evocativo che diventa un possibile percorso nella costruzione di una memoria collettiva. La mostra, con un allestimento immersivo site-specific che coinvolgerà l'area uffici di Factory Grisù, sarà visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Il 25 maggio è ospite della rassegna Ludovica Manzo, sound artist e compositrice che, assieme a Loredana Antonelli, un'artista visiva che ha lungamente sperimentato con il digitale, presentano alle 10.30 'Serpentine workshop'. Un laboratorio creativo sulla performance dal vivo, e un'occasione per sperimentare come possa costruirsi uno spettacolo in cui l'umano e gli strumenti digitali possano dialogare in tempo reale durante la costruzione di una performance. La sera, alle 21, Ludovica Manzo presenterà infatti 'Serpentine', una performance multimediale per voce e video mediante un tragitto non lineare, nel quale la voce e l'elettronica compongono trame che si intersecano con i video creati in tempo reale da Loredana Antonelli.

Chiude la rassegna, l'8 e il 9 giugno, l'esposizione 'Salmastro', la fine del percorso laboratoriale a cura de Il mestiere delle arti, realizzato con il contributo dell'associazione Ga-Er e finanziato dalla Regione Emilia-Romgna nell'ambito dell'accordo di collaborazione Geco 12. I workshop e le performance sono parte del progetto 'Make Togheter', promosso e cofinanziato dal Comune di Ferrara con il contributo della Regione Emilia-Romagna e in collaborazione con
Laboratorio Aperto, Basso Profilo, Il Raggio Verde, Wunderkammer. La partecipazione è libera e gratuita su prenotazione. Informazioni sono disponibili sul sito web della Factory Grisù.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Factory Grisù, un ciclo di seminari sull'uso del digitale nell'arte

FerraraToday è in caricamento