rotate-mobile
Politica

Elezioni, Alleanza Verdi Sinistra e Possibile: "Proposta unitaria? E' ancora possibile"

Il commento sul tema delle amministrative parte della 'rottura' del Tavolo delle opposizioni

Riceviamo e pubblichiamo:

“Poiché ormai il dibattito si sta sviluppando al di fuori del Tavolo e tramite la stampa, che svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo del confronto pubblico, filtrano informazioni sulle posizioni, interne al Tavolo stesso, spesso parziali e imprecise, riteniamo necessario intervenire pubblicamente per rendere nota la nostra valutazione della situazione attuale.
Il percorso iniziato nel luglio scorso, ma in gestazione da oltre un anno, ha portato tutte le forze politiche e civiche, che si oppongono alla maggioranza attuale, a condividere un programma che definisce i margini per un progetto di città alternativo a quello che la destra sta realizzando.
Si sono poste le basi per provare a costruire una città accogliente, inclusiva e non discriminante, che sia, come si diceva un tempo, ‘capace di futuro’, perché impegnata concretamente nella transizione ecologica e sociale, che si prenda cura di tutte le persone che la abitano e risponda alla domanda di sicurezza in relazione a tutti gli ambiti dell’esistenza (dalla prevenzione degli atti criminali, al lavoro, alla salute, alla circolazione stradale, al futuro dei giovani, al diritto all’abitare), impegnata a difendere un sistema economico equilibrato, contrastando lo scivolamento verso una monocoltura turistica, foriera di impoverimento e aumento delle diseguaglianze.
Ci sembra un risultato fondamentale in quanto riteniamo che solo una coalizione unitaria possa competere alle prossime elezioni amministrative con la speranza del successo, e un programma comune ne è la premessa necessaria. Nel frattempo nella comunità ferrarese si sono sviluppate diverse iniziative civiche, nate allo scopo di interagire nella definizione del progetto e nella scelta del candidato o della candidata che lo rappresenti. Anche queste iniziative pensiamo sia indispensabile coinvolgere nel percorso comune. 
Ora il confronto si è concentrato sulla scelta della persona da candidare; scelta importante ma, a nostro avviso, non fondamentale in confronto all’ampiezza e all’unità della coalizione e alla condivisione di un programma comune, che risponda alle reali esigenze dei cittadini e delle cittadine.
Noi non vogliamo arrenderci alla fatalità della rottura e pensiamo sia necessario trovare una modalità di individuazione della persona adatta che salvi quell’unità costruita con pazienza e tenacia negli ultimi mesi. In questo senso vanno le ipotesi avanzate nell’ultima riunione: una consultazione del basso (le tradizionali primarie o, meglio, un metodo partecipato che ne superi le controindicazioni, come propone La Comune di Ferrara) o un’ulteriore riflessione sui nomi, già proposti alla discussione del Tavolo o scaturiti dai percorsi delle diverse iniziative civiche, per trovare una proposta che sia condivisa da tutti, dentro e oltre il Tavolo. Se ci fosse la volontà di andare in questa direzione il tempo a disposizione sarebbe ancora sufficiente e non sarebbe certamente tempo sprecato”.
Alleanza Verdi Sinistra (Sinistra Italiana e Europa Verde) e Possibile di Ferrara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Alleanza Verdi Sinistra e Possibile: "Proposta unitaria? E' ancora possibile"

FerraraToday è in caricamento