rotate-mobile
Polizia / Giardino-Arianuova-Doro / Piazzale della Stazione

Adescava uomini con la richiesta di sesso, poi li rapinava: vittima anche un invalido

La donna, in manette, avrebbe compiuto diversi furti e atti di violenza (ferendo un anziano)

Violenza sessuale, furti e rapine, anche ai danni di persone disabili. Sono queste le accuse rivolte ad una donna di origini straniere che, giovedì, è stata arrestata dalla polizia su ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Ferrara.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Le vicende in questione sarebbero avvenute nel corso del 2023 e nei primi mesi del 2024 sempre nei pressi della stazione e il tutto sarebbe poi stato ricostruito a seguito delle indagini della Squadra Mobile (grazie a testimonianze e riconoscimenti fotografici).

Il passaggio e il rapporto sessuale

Secondo quanto ricostruito, la donna avrebbe in più occasioni avvicinato le proprie vittime con la scusa di chiedere un passaggio o proponendo un rapporto sessuale a pagamento e, quindi, avrebbe rubato i portafogli e il denaro dalle tasche posteriori dei loro pantaloni. Tale situazione si sarebbe anche verificata nei confronti di un invalido, al quale avrebbe palpato i genitali sia nel parcheggio adiacente la stazione sia nel sottopassaggio.

La rapina in auto

In una circostanza, la straniera sarebbe salita a bordo dell’auto di un uomo, sempre con la richiesta di compiere un atto sessuale (e toccandolo ripetutamente). Al rifiuto della vittima, lei lo avrebbe colpito con schiaffi e pedate, riuscendo a rubare il portafoglio e poi fuggendo.

Il ‘colpo’ all’anziano invalido

Dopo un paio di settimane, la rapina sarebbe stata compiuta nei confronti di un anziano invalido al 100%, all’uscita da una tabaccheria. Dopo averlo afferrato e dopo avergli sfilato il portafogli dai pantaloni, la donna lo avrebbe spintonato fino a farlo cadere, prima di darsi alla fuga. In questo caso, la vittima ha poi riportato ferite giudicate guaribili in sette giorni.

La proposta indecente

In una terza occasione, accaduta ad inizio 2024, la malvivente avrebbe avvicinato un altro uomo, arrivando ad abbracciarlo. Poi, come già successo, gli avrebbe toccato i genitali, proponendo di appartarsi: distratta la vittima in tal modo, la donna si sarebbe impossessata del suo cellulare, contenuto all’interno del marsupio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adescava uomini con la richiesta di sesso, poi li rapinava: vittima anche un invalido

FerraraToday è in caricamento