rotate-mobile
Carabinieri / Bondeno / Piazza Giuseppe Garibaldi

Cassonetti bruciati, giovane denunciato: avrebbe reagito ad un 'no' dei baristi

Secondo i carabinieri, era ubriaco e avrebbe voluto comprare alcune bevande alcoliche

I cassonetti bruciati forse per un semplice ‘no’ ad una bevanda alcolica. E’ l’ipotesi su cui stanno lavorando i carabinieri circa un rogo che ha coinvolto alcuni bidoni dell’immondizia la notte di giovedì 21 in piazza Garibaldi, a Bondeno.

Quella sera, sul posto, oltre ai militari dell’Arma, giunsero anche i vigili del fuoco che si occuparono di domare le fiamme. Alle forze dell’ordine, invece, toccò il compito di rintracciare il responsabile di quanto accaduto: dopo aver visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti in zona e dopo aver ascoltato alcuni testimoni, i carabinieri sono così giunti ad identificare un 28enne residente nel Bondenese.

Il giovane, la cui presenza sul luogo dell’incendio era già stata accertata dai militari dell’Arma di Vigarano Mainardi la notte stessa, è stato quindi denunciato. Come detto, alla base del gesto, le forze dell’ordine ipotizzano ci possa essere stato il diniego a somministrare al soggetto (in stato di ebbrezza) alcune bevande alcoliche da parte dei gestori del bar vicino al luogo del rogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassonetti bruciati, giovane denunciato: avrebbe reagito ad un 'no' dei baristi

FerraraToday è in caricamento