rotate-mobile
Maltempo / Bondeno

Maltempo, il Comune anticipa 416mila euro di ristori a privati e imprese

Il sindaco: "A oltre due mesi, dalla Regione ancora non sono pervenuti gli atti"

Tetti divelti, abitazioni e attività produttive allagate, strutture e alberi crollati: erano immagini all’ordine del giorno a seguito del fortunale del 17 agosto 2022. Immediatamente si mise in moto la catena degli aiuti, fra cui quelli ai privati cittadini e alle imprese con l’annuncio dei ristori rispettivamente di 5 e 20mila euro.

Fondi che devono arrivare per il tramite della Regione Emilia-Romagna e che allo stato attuale, alla fine del 2023, ancora non sono arrivati. Fondi che il Comune di Bondeno ha deciso di anticipare prelevando la somma di 416,5 mila euro dalle proprie casse per intervenire in aiuto delle numerose famiglie e attività colpite.

“Una misura concreta, un provvedimento diretto in supporto ai bondenesi – spiega il sindaco, Simone Saletti –. Si sta parlando della prima finestra di liquidazione delle richieste di ristori, ma quello che conta non sono i numeri: si tratta infatti di persone in carne ed ossa le cui abitazioni o realtà produttive sono state pesantemente danneggiate dalla tromba d’aria e dagli allagamenti. Persone verso le quali abbiamo il dovere di dare risposte efficaci per far sì che possano recuperare le spese sostenute”.

I mandati di pagamento saranno emessi dagli uffici dell’Ente nel più breve tempo possibile. Del totale prelevato dalle casse comunali, poco più di 196mila euro saranno destinati ai ristori verso le abitazioni, mentre circa 220mila euro andranno a riparare i danni subiti dalle imprese. A dicembre dello scorso anno tutti coloro che avevano subito danni avevano potuto fare domanda per i ristori.

A febbraio 2023, terminata l’istruttoria delle domande, il Comune aveva provveduto a inoltrare alla Regione gli elenchi riepilogativi delle domande, ulteriormente integrati nel mese di maggio. Poi, a ottobre, il Comune aveva trasmesso alla Regione la richiesta di trasferimento delle risorse per complessivi 416,5mila euro. 

“Richiesta alla quale da via Aldo Moro avrebbero dovuto rispondere entro trenta giorni mentre, al contrario, a oltre due mesi di distanza ancora non sono pervenuti gli atti di trasferimento delle risorse. Perciò interveniamo direttamente per sbloccare tale situazione di incertezza – conclude Saletti –. Come di consueto, la nostra attenzione sulle problematiche ed esigenze del territorio non viene meno ma anzi è sempre orientata a fornire risposte puntuali ed efficaci”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, il Comune anticipa 416mila euro di ristori a privati e imprese

FerraraToday è in caricamento