rotate-mobile
Politica

Cra, i sindaci di centrosinistra: "La Regione ha sempre coperto gli extra costi della sanità"

I primi cittadini hanno manifestato l'intenzione di un confronto con i sindacati

Hanno manifestato la posizione che nessun primo cittadino sia favorevole ai rincari, "ma se i gestori delle case di riposo, sia pubblici che privati, sostengono di non poter sostenere i costi con le tariffe ferme a dieci anni fa e minacciano di chiudere, dietro questi gestori ci sono posti di lavoro e lavoratori con turni a volte massacranti. C'è la qualità del servizio dato agli ospiti e il trattamento equo degli operatori. Possiamo fingere che tutto questo non esista?".

A intervenire sulla questione relativa al voto sull'entrata in vigore dei rincari delle rette in Conferenza territoriale socio sanitaria sono i sindaci di centrosinistra Edoardo Accorsi di Cento, Andrea Baldini di Argenta, Dario Bernardi di Portomaggiore, Marika Bugnoli di Goro, Gianni Michele Padovani di Mesola, Laura Perelli di Tresignana, Elena Rossi di Ostellato, Andrea Zamboni di Riva del Po, e Sabina Alice Zanardi di Codigoro. 

"C'è il tentativo inaccettabile di far passare una parte dei sindaci per asserviti e favorevoli a questi aumenti - hanno spiegato - usando in modo improprio un organismo, la Ctss, che dovrebbe essere gestito in modo imparziale". Da qui all'attacco al sindaco di Ferrara: "Fabbri è vicepresidente regionale dell'Anci, perché non si è fatto sentire quando era il momento nelle sedi opportune? La Regione gli extra costi della sanità sinora li ha sempre coperti: Covid, caro energia e anche quelli relativi alle Cra con i tre euro-giorno dell'anno scorso recuperati dal proprio fondo non autosufficienza".

Gli amministratori hanno aggiunto che "altre regioni a guida centrodestra hanno già aumentato le rette per i medesimi motivi", e che "il Governo, pur sollecitato a finanziare adeguatamente questi extra costi, non lo ha fatto". Infine, un richiamo a evitare le semplificazioni, con la considerazione che "continueremo a batterci nelle sedi opportune perché gli aumenti siano contenuti e ridimensionati, e perché siano proporzionali al reddito adottando lo strumento dell'Isee. Ci confronteremo di sicuro con i sindacati cogliendo il loro allarme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cra, i sindaci di centrosinistra: "La Regione ha sempre coperto gli extra costi della sanità"

FerraraToday è in caricamento