rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cultura

Dal Comune alla mostra 'Rinascimento' dei Diamanti, il console generale di Francia in visita in città

Nel corso dell'incontro si è discusso anche di progetti legati alle relazioni culturali ed economiche

Del tema di progetti di potenziamento in materia di relazioni culturali ed economiche tra Ferrara e la Francia si è parlato nel corso della mattina di venerdì, durante la visita del console generale a Milano Francois Revardeaux. Il diplomatico è stato accolto a palazzo Municipale dal vicesindaco Nicola Lodi e dall'assessore comunale alla Cultura Marco Gulinelli, e poi accompagnato a palazzo Diamanti, per la mostra 'Rinascimento a Ferrara'. Un'occasione per ammirare, guidato da Vasilij Gusella, conservatore e curatore della Fondazione Ferrara Arte, anche le opere giunte d'oltralpe, tra cui la 'Veronica' di Lorenzo Costa, un olio su tavola del 1508 proveniente dal Louvre di Parigi. 

"Esprimo piena disponibilità a sviluppare nuove forme di cooperazione", le parole del console, a cui Lodi e Gulinelli hanno illustrato alcuni dei progetti già in essere con la Francia. Dai contatti diretti con l'Istituto italiano di cultura a Parigi, diretto dal ferrarese Diego Marani, nel segno di ferraresi celebri in tutto il mondo come Giovanni Boldini, Michelangelo Antonioni e Giorgio Bassani, allo Spazio Antonioni, che si sta realizzando al Padiglione di Arte contemporanea e che vede come curatore proprio un francese, Dominique Paini, già direttore del Cinémathèque française. Al centro del confronto di venerdì, ci sono state ulteriori iniziative culturali e turistiche destinate a essere approfondite d'intesa con gli organi diplomatici, oltre a Camera di Commercio Italo-Francese, Business France, l'agenzia nazionale al servizio dell'internazionalizzazione dell'economia francese, e la rete di Alliance Française. 

"Lo spazio per sviluppare nuovi rapporti è ampio, sotto tutti i profili, culturale, turistico ed economico", ha evidenziato il vicesindaco, mentre l'assessore Gulinelli ha posto l'accento sulla "ricca offerta che accoglie i turisti in città. Un dato su tutti: dal 2019 a oggi le mostre organizzate sono state 36, per circa un milione di visitatori". E la mostra 'Rinascimento a Ferrara', con prestiti d'opera da tutto il mondo, rappresenta un ulteriore punto di contatto internazionale, dal momento che ha consentito il ritorno a casa, fino al 19 giugno, delle opere del Rinascimento ferrarese che hanno lasciato la città dopo la devoluzione del 1598. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Comune alla mostra 'Rinascimento' dei Diamanti, il console generale di Francia in visita in città

FerraraToday è in caricamento