rotate-mobile
Concerto Springsteen / Giardino-Arianuova-Doro / Via Riccardo Bacchelli

Springsteen, orari e scaletta del concerto. E Trotta confessa: "Ecco come l'ho portato a Ferrara..."

Aggiunti ulteriori dettagli sull'esibizione di 'The Boss', dai cantanti di contorno all'apertura dei cancelli

Manca sempre meno. Bruce Springsteen è (quasi) pronto per liberare la sua energia sul palco del parco urbano. Ferrara lo è, invece, già da mesi per rispondere presente ad un evento che è già storia. Avvicinandosi alla data prefissata, giovedì 18 maggio, escono sempre più dettagli sulla performance della star statunitense.

Perché Ferrara

E’ la domanda delle domande: perché ‘The Boss’ ha scelto Ferrara? Com’è nata questa idea? A chiarirlo, nella classica conferenza stampa di presentazione dell’evento è stato Claudio Trotta, fondatore di Barley Arts: “A metà 2020 - ha confessato - mi ha chiamato mia cugina, per annunciarmi che mi avrebbe contattato Vittorio Sgarbi. Così è stato e Vittorio mi ha detto che qui c’era un assessore (Marco Gulinelli, ndr) che stravede per Bruce”.

Poi l’accordo. Prima di dare l’ok, nell’ottobre 2020 Trotta è venuto di persona in città, per conoscere lo stesso Gulinelli e il sindaco Fabbri, per capire l’idea, per studiare la location. Nel 2021 l’ok definitivo, nonostante da tutta l’Emilia-Romagna non siano mancate offerte alternative: “Questo evento si doveva tenere l’anno scorso, poi saltò - ha proseguito l’organizzatore - ma io non ho avuto nessuno dubbio sul confermare Ferrara come sede di una tappa del tour”. Ed ora eccoci qui.

Gli orari

Giornata da vivere appieno, quella del 18 maggio. Già a partire dalle 8, quando si apriranno i cancelli del Comfort Village (posto in via Bacchelli, alla sinistra dell'area concerto). Alle 14, poi, via libera all’ingresso nella zona sotto il palco (divisa in ‘pit’) per i poco meno dei 50mila fortunati che hanno trovato l’agognato biglietto.

Alle 16.30 si esibirà Fantastic Negrito, vincitore di tre Grammy Awards. Seguirà, alle 17.45 la performance di Sam Fender, giovane cantautore inglese considerato l’erede del Boss. Poi alle 19.30 via finalmente allo show di Bruce Springsteen. Secondo gli organizzatori, il concerto dovrebbe durare circa 3 ore e concludersi, dunque, intorno alle 22.30.

La scaletta

E’ forse la curiosità più impellente dei fan. Ovviamente, l’esatto ordine delle canzoni lo deciderà - probabilmente solo nelle ultime ore - soltanto lo stesso Springsteen. Ad ogni modo, lo show del parco urbano dovrebbe ricalcare quasi interamente quelli già in corso nel resto d’Europa, con un insieme di 27/29 canzoni (di cui due sottotitolate in italiano sui megaschermi). Traduzione che verrà proposta anche per i passaggi raccontati.

Questo, comunque, è l’elenco più verosimile dei successi che ‘The Boss’ riproporrà il 18 maggio. L’ordine cronologico, come detto, sarà deciso solo negli ultimi istanti.
No Surrender
Ghosts
Prove It All Night
Letter To You
Promised Land
Out In The Street
Candy's Room
Kitty's Back
Brilliant Disguise
Nightshift
Don't Play That Song
E Street Shuffle
Johnny 99
Last Man Standing
House Of A Thousand Guitars
Backstreets
Because The Night
She's The One
Wrecking Ball
The Rising
Badlands
Burnin' Train
Born To Run
Rosalita (Come Out Tonight)
Glory Days
Dancing In The Dark
Tenth Avenue Freeze-Out
I'll See You In My Dreams

Un momento della conferenza stampa

Le dichiarazioni

“Ciò che mi ha fatto piacere - ha concluso Trotta - è stato constatare l’amore per la cultura da parte dell’amministrazione e della città. Ferrara ha compreso l’essenza dello stare insieme e ha saputo proporre un’offerta culturale incredibile, con concerti paralleli, presentazioni di libri, mostre e via discorrendo”. Poi una replica ai ‘difensori’ del parco: “Non andiamo a sparare agli uccellini - ha chiosato, con un sorriso -. Sappiamo bene quello che facciamo e le proteste sono insensate. I parchi vanno vissuti e prima di organizzare l’evento abbiamo fatto verifiche, relazioni e studi”.

Soddisfazione arriva, infine, anche da parte del sindaco, Alan Fabbri, e del già citato assessore alla Cultura, Marco Gulinelli: “Si realizza un sogno - ha proseguito il primo cittadino -. E’ stato un percorso non semplice, ma affrontato con entusiasmo, direi quasi adolescenziale. Siamo di fronte ad una tappa storica per Ferrara”. “Sono sicuro - ha replicato Gulinelli - che la città saprà dare prova di grande responsabilità: la musica deve essere un veicolo di socialità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Springsteen, orari e scaletta del concerto. E Trotta confessa: "Ecco come l'ho portato a Ferrara..."

FerraraToday è in caricamento