rotate-mobile
Unife / Giardino-Arianuova-Doro / Via della Canapa, 3

'La comunità che cura', rassegna Unife sul benessere psicofisico dello yoga

Il corso prevede una formazione teorico-pratica e sessioni sulla storia e sulla ricerca scientifica

Procedono gli appuntamenti della rassegna Unife per il Public engagement. Un'iniziativa organizzata dall'ateneo estense per alimentare lo scambio dei saperi e favorire l'interazione e l'ascolto tra la comunità accademica e la società. Sabato 14 ottobre dalle 9 alle 21.30 e domenica 15 ottobre dalle 9 alle 15.30, al Centro sociale Il Parco di via della Canapa 3 si terrà l'incontro 'La comunità che cura - Yoga della risata e benessere psicofisico', promosso dal dipartimento di Neuroscienze e riabilitazione di Unife, con il supporto del Comitato ferrarese Area disabili, della stessa realtà Ancescao e del Csv Terre Estensi. Obiettivo delle due giornate è presentare la tecnica aerobica, Yoga della risata, che promuove il benessere psico-fisico individuale e l'armonia sociale.

Il corso prevede una formazione teorico-pratica di 'Leader in Ydr' e sessioni teoriche sulla storia e sulla ricerca scientifica sui benefici psico-fisici e relazionali. Inoltre, ci sarà la possibilità di essere formati su come condurre la sessione, come aprire, promuovere e gestire un Club della risata; come organizzare sessioni in vari contesti (aziende, organizzazioni, scuole, case di riposo). L'iniziativa si rivolge a cittadine e cittadini volontari, persone con disabilità, caregiver del Comitato ferrarese Area disabili, studentesse, studenti e operatori sanitari. Ideatore dello YdR è il medico indiano Madan Kataria, che attingendo dalle sue conoscenze in campo sanitario e dalla pratica dello yoga, ha dato vita il 13 marzo 1995 al primo Club della risata in un parco pubblico di Mumbai, con un gruppo di membri attivi. Oggi si contano migliaia di club in oltre 100 Paesi del mondo, che fanno di questa disciplina un fenomeno di portata mondiale.

Chiunque, senza bisogno di particolari doti umoristiche, può praticare lo YdR in qualsiasi momento e con qualsiasi altra persona. Tra i sistemi che beneficiano dello YdR vi è quello cardio-respiratorio, attraverso l'attivazione del sistema para-simpatico e di numerosi processi neuro-endocrini virtuosi, come la drastica riduzione del livello di cortisolo (ormone dello stress) e la produzione di endorfine e serotonina (neurotrasmettitori responsabili del buonumore), producendo a cascata rilevanti miglioramenti a livello psicologico e relazionale, una drastica riduzione della sensazione di stress e un maggior senso di auto-efficacia nella vita personale e professionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'La comunità che cura', rassegna Unife sul benessere psicofisico dello yoga

FerraraToday è in caricamento