rotate-mobile
Unife

Clinica pediatrica Unife, il Rotary Club Ferrara Est dona uno strumento diagnostico

Servirà a valutare la coordinazione motoria dei bambini e verrà utilizzato da una neuro-psicologa

Uno strumento diagnostico capace di individuare i bambini a rischio di compromissione della funzione motoria e di suggerire la diagnosi di disturbo dello sviluppo della coordinazione. Si chiama Movement Abc, ed è il dono che il Rotary Club Ferrara Est ha consegnato giovedì 6 giugno alla Clinica pediatrica dell'Università di Ferrara.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

L'iniziativa si è svolta nel corso di un incontro in Rettorato, alla presenza della rettrice Laura Ramaciotti, della docente Agnese Suppiej, ordinaria di Pediatria dell'ateneo estense e direttrice dell'Unità pediatrica dell'Azienda ospedaliera universitaria 'Sant'Anna', del presidente del Rotary Club Ferrara Est Paolo Govoni e di Michele Grassi, presidente dell'associazione Giulia.

"Ringrazio sentitamente il Rotary Club Ferrara Est – ha sottolineato la rettrice Ramaciotti – per questa importante donazione frutto di una collaborazione con un'istituzione prestigiosa, capillarmente diffusa nel territorio. Questi sodalizi rientrano nell'ambito delle iniziative di ateneo sulla terza missione con l'obiettivo di condividere prospettive e ricadute a favore delle realtà pubblico-private del nostro territorio".

La docente Suppiej ha evidenziato che "la coordinazione motoria è una funzione alla base della fluidità del movimento, dell'equilibrio e della destrezza manuale, può essere compromessa in diverse patologie che colpiscono il sistema nervoso centrale. Nelle bambine e nei bambini è molto difficile valutarla mediante un normale esame neurologico perché il cervello non è ancora maturo. Fra le linee di ricerca clinica nell'ambito delle neuroscienze pediatriche vi sono due progetti per i quali lo strumento Movement Abc sarà fondamentale". 

Da qui alla descrizione che "i progetti di ricerca sono affidati a due dottorande della Scuola di Dottorato in Neuroscienze traslazionali e Neurotecnologie di Unife: il primo studio, seguito dalla dottoressa Giuditta Pellino, riguarda la valutazione del disturbo della coordinazione motoria in alcuni tipi di epilessie pediatriche. Il secondo, affidato alla dottoressa Cristina Forest, riguarda la valutazione della prognosi a lungo termine, che comprende la valutazione della coordinazione motoria nei bambini che hanno sofferto alla nascita di encefalopatia ipossico-ischemica".

Paolo Govoni ha spiegato che "il Rotary è una rete globale che promuove cambiamenti positivi e duraturi nelle comunità. Questo è lo spirito che ha animato i soci del Rotary Ferrara Est quando, con grande entusiasmo, hanno promosso una raccolta fondi finalizzata all'acquisto del Movement Abc, importante strumento diagnostico da oggi a disposizione della Clinica pediatrica e della comunità".

Suppiej ha aggiunto che "il Movement Abc è formato da un test standardizzato che misura oggettivamente il livello di competenze motorie del soggetto in tre differenti sezioni: 'Destrezza manuale', 'Mirare e afferrare', 'Equilibrio'. Comprende inoltre una checklist, compilata dai genitori, che consente di rilevare il loro punto di vista rispetto al comportamento motorio del bambino, come osservato a casa e nell'ambiente scolastico".

Inoltre, "questo disordine del neurosviluppo può presentarsi isolato o associato ad altri disordini neurologici incluse le epilessie, ma anche come esito di una sofferenza neonatale. Non è facilmente identificabile durante una visita neurologica tradizionale, ma interferisce significativamente con la performance scolastica e le attività della vita quotidiana, con impatto sulla qualità di vita del bambino. E' molto frequente e la letteratura riporta una prevalenza nella popolazione pediatrica in età scolare del 5-6%".

Il presidente Grassi ha concluso che "lo strumento verrà utilizzato da una neuro-psicologa formata, che frequenta la Clinica pediatrica grazie a una borsa di ricerca dell'associazione Giulia, che collabora con la Pediatria non solo con i suoi volontari che affiancano i bambini ricoverati in attività ludiche, ma anche promuovendo iniziative a sostegno della qualità delle cure. Con lo strumento Movement Abc la Dottoressa Martina Baldetti non solo collaborerà alle ricerche cliniche in corso, ma potrà anche fornire indicazioni diagnostiche e prognostiche clinicamente utili nella valutazione multi-professionale dei bambini seguiti negli ambulatori della Clinica pediatrica dell'Azienda ospedaliera universitaria di Ferrara".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clinica pediatrica Unife, il Rotary Club Ferrara Est dona uno strumento diagnostico

FerraraToday è in caricamento