rotate-mobile
Palio

Carnevale degli Este, al via il progetto delle selezioni per la marchesa Isabella

Saranno due le ragazze destinate a interpretare il personaggio femminile nei cortei

Un casting legato all'appuntamento con l'edizione 2024 del Carnevale degli Este. La figura della marchesa Isabella è al centro di i un progetto celebrativo che, il 21 dicembre, aprirà le selezioni per la sua rappresentazione. Torna, dopo quattro anni di forzata sospensione l'appuntamento organizzato dall'Ente Palio, in collaborazione con il Comune di Ferrara e con il patrocinio dell'Università degli studi di Ferrara, nelle giornate del 10 e 11 febbraio del prossimo anno.

L'edizione targata 2024 si preannuncia densa di appuntamenti a partire dal 13 gennaio, data d'inizio degli eventi con spettacoli e momenti culturali. Iniziative in una continua alternanza tra momenti di riflessione storica, occasioni conviviali e grandi spettacoli pubblici, completamente dedicata a Isabella d'Este Gonzaga, primogenita di Ercole I d'Este ed Eleonora d'Aragona, che nacque nel maggio 1474, esattamente 550 anni fa, festeggiata da tutta la città.

La manifestazione ripercorrerà le tappe salienti di una vita paradigmatica del Rinascimento. Isabella, che partecipò al suo primo Carnevale insieme alla madre nel febbraio del 1476, non ancora compiuti i 2 anni di età, ricevette una educazione di alto livello nell'ambizioso ambiente di corte ferrarese, tra poesia, musica, danza, e attività di solito riservate ai maschi. Successivamente non si limitò a fungere da pedina nelle politiche matrimoniali dei principi italiani, ma interpretò in modo esemplare il ruolo di marchesa, trasformando Mantova in una capitale dell'arte e di stile europea.

"Una donna - ha spiegato l'Ente Palio - di potere a tutto tondo, capace di rompere i recinti innalzati da una società maschile, patriarcale e misogina per definizione, che voleva le donne 'prigioniere' nei monasteri o nel matrimonio, Isabella ha saputo rivendicare la propria autonomia, orientando le mode e dialogando in posizione mai subalterna con gli uomini di Stato, suoi contemporanei. Farla rivivere nel 2024, vestirne gli abiti eleganti, significa raccogliere il testimone di uno straordinario messaggio di libertà".

La volontà dell'Ente Palio è di trasformare questa celebrazione non solo in una attrazione turistica, ma anche in una vera e propria festa nella quale coinvolgere l'intera cittadinanza. Saranno infatti due ragazze a interpretare Isabella nei cortei che si dipaneranno nelle giornate del Carnevale. Le figure saranno scelte attraverso un casting che avrà luogo giovedì 21 dicembre a partire dalle 19, nella sede di 'Ferrara la Città del Cinema', nella palazzina ex Mof in corso Isonzo 137. Tutte le candidate dovranno inviare la propria manifestazione d'interesse entro le 12 dello stesso 21 dicembre all'indirizzo mail del Palio di Ferrara, o telefonando al numero 0532 751263 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12, indicando le proprie generalità e allegando alla domanda una foto e l'autorizzazione al trattamento dei dati personali.

I requisiti di partecipazione prevedono un'età compresa tra 17 e i 22 anni e tra i 35 e i 40 anni, e che le candidate non abbiano alcuna affiliazione di contrada, posseggano esperienza in ambito di danza (gradita ma non necessaria), e una somiglianza fisica con Isabella d'Este. Nicola Lodi, vicesindaco e assessore comunale al Palio, ha evidenziato "l'intelligente e sensibile idea, proposta alla base del Carenevale degli Este, ovvero, dedicare, l'edizione del ritorno, a Isabella d'Este Gonzaga, emblematica figura femminile della storia non solo di Ferrara ma di Mantova, d'Italia e delle corti europee. Questo in un delicatissimo periodo storico contemporaneo che vede il ruolo e il valore sociale della donna fortemente attaccato. Giusto e intelligente, quindi, esaltare una donna che ha saputo andare oltre gli schemi angusti del suo tempo interpretando un ruolo di forte valore di libertà creativa in campi dalla cultura all'arte del governo. Complimenti, quindi, alla Commissione e a tutte le persone che ne ha interpretato la lodevole proposta che essendo riservata a donne e ragazze estranee al mondo delle contrade ha in più la virtù di aprirsi a tutta la cittadinanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevale degli Este, al via il progetto delle selezioni per la marchesa Isabella

FerraraToday è in caricamento