Venerdì, 12 Luglio 2024
La storia / Copparo / Piazza della Libertà

Dai lavori alla fontana spunta una 'capsula del tempo': dentro una lettera e le vecchie lire

Bizzarro ritrovamento: è il lascito del 1992 di un Comitato di salvaguardia del monumento

È apparso subito piuttosto anomalo quel cilindro di plastica emerso durante gli scavi nei giardini del centro, nell’ambito della riqualificazione e restauro di piazza della Libertà previsti nel progetto Pnrr ‘Rigenera Copparo’. Ed ha destato una grande sorpresa, soprattutto, quando se ne è scoperta la natura: una capsula del tempo.

Il contenitore raccoglie un cartellone, un registro e delle monete, delle lire, a testimoniare ai copparesi di epoca futura quale conio vigesse in quel momento. Nel cartello scritto e disegnato a mano, seppur poco leggibile perché l’acqua è riuscita a insinuarsi nel tubo imbevendo la carta, è tracciata la storia di questo lascito.

Un dettaglio del documento

La storia

“Oggi, 25 aprile 1992, vengono inaugurati i restauri conservativi della fontana”. A Copparo era infatti sorto un Comitato per sostenere l’intervento a salvaguardia di “questa superba fontana monumentale, dedicata ai caduti di tutte le guerre”, di cui si testimonia la costruzione a partire dagli anni Trenta.

Come si racconta nel documento, nella sala consiliare del municipio si era costituito il Comitato Generale ‘Pro Fontana Caduti’, “cui aderirono in esemplare slancio l’amministrazione municipale, le associazioni combattentistiche e d’arma, la parrocchia e i cittadini sensibili al pubblico bene, per procedere rapidamente al restauro conservativo dell’insigne monumento”.

Alla successiva raccolta fondi parteciparono in molti: enti, mondo associativo e numerosi cittadini contribuirono al finanziamento dell’opera di ripristino eseguita su progetto del geometra comunale Antonio Antonellini,. Gli elenchi delle “spontanee, generose elargizioni” sono stati inseriti nella capsula.

“È stato così onorato – è scritto – l’obiettivo precipuo di tutta l’operazione ‘Fontana Caduti’, che fu sempre quello di tramandare alle future generazioni l’affettuoso ricordo di tutti i caduti per l’Italia del Comune di Copparo, la perenne riconoscenza per le loro gesta gloriose e di affidare alle loro cure e alla loro valorizzazione uno dei monumenti più belli e significativi dell’intera regione riportato, con amorevole, tangibile sforzo di tutto un popolo, all’antico, originale splendore ed alla primitiva, spirituale sacralità. Nel rispetto della volontà e degli intendimenti dei nostri padri, i quali con tanta passione costruirono e con tanta trepidazione consegnarono la nostra meravigliosa fontana”.

Una testimonianza che rappresenta dunque un emblematico passaggio di testimone. Tanto che è intenzione dell’amministrazione di Copparo preparare, a sua volta, una capsula del tempo a documentare l’attuale restauro del monumento nel cuore e del cuore del centro cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai lavori alla fontana spunta una 'capsula del tempo': dentro una lettera e le vecchie lire
FerraraToday è in caricamento