rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Unife

Branche scientifiche, a Unife le donne sono più del 50%: "Sopra la media nazionale"

Secondo i dati, negli ultimi tre anni le quota rosa immatricolate hanno superato il 60%

I dati dell'Università di Ferrara riportano che i divari vengono colmati. Mentre secondo l'ultimo rapporto dell'Anvur, in Italia, le studentesse che si iscrivono a un corso di laurea in una disciplina scientifica (Stem sta per Science, Technology, Engineering and Mathematics) restano una esigua minoranza, nell'ateneo estense la quota supera il 50% e il trend è positivo.

Secondo i numeri elaborati da Unife, negli ultimi tre anni le donne immatricolate hanno superato il 60%, e quelle iscritte nell'anno accademico attuale in un corso di laurea Stem sono più del 63%. Se si considera il numero di studentesse delle materie scientifiche del 2022, la quota supera il 54%. Inoltre, altro dato molto significativo, le laureate in area Stem nel 2022 sono il 62,2%. Anche l'indice di Glass Ceiling, ossia quelle barriere invisibili che impediscono o complicano la crescita in ambito professionale delle lavoratrici, è passato dallo 2,28% nel 2020 al 2,03% nel 2022, di conseguenza la probabilità relativa delle donne, rispetto agli uomini, di raggiungere le posizioni apicali della carriera accademica è salita dello 0,25. 

Si può notare come, sia nel 2020 sia nel 2022, l'indice di Glass Ceiling sia più alto a livello locale che nazionale dove si ferma a 1,52% e 1,47%. Nelle lauree a ciclo unico, i campi di istruzione Isced (International Standard Classification of Education) attivi sono tre e le studentesse prevalgono in tutti, con oltre il 60%. In Ingegneria, Attività manifatturiere e Costruzioni, le studentesse iscritte superano il 62%.

Le donne a Unife si attestano a oltre il 60%, comprese le partecipanti a programmi di mobilità internazionale negli anni accademici 2019–2022. La componente femminile delle principali cariche accademiche dell'ateneo rappresenta il 39,24%. Tuttavia, viene evidenziato il ruolo femminile nelle due massime posizioni apicali, quello della rettrice e della prorettrice vicaria; la prevalenza femminile nel Consiglio di Parità con 7 donne a fronte di 4 uomini; nel Consiglio del Personale tecnico amministrativo con 17 donne a fronte di 8 uomini e lo stesso numero di donne e di uomini nel Nucleo di valutazione e tra i coordinatori dei dottorati. 

Per quanto riguarda la distribuzione del personale tecnico e amministrativo nelle diverse aree funzionali di impiego, viene rilevata una prevalenza femminile in quattro aree su sei ovvero Biblioteche, Servizi generali e tecnici, Socio sanitaria e Medico-odontoiatrica, Amministrativa e Amministrativa-gestionale. Una stessa percentuale di donne e uomini in Dirigenza amministrativa. Tra il 2020 e il 2022 c'è stata una prevalenza femminile in quattro aree su sei.  Per quanto riguarda i dirigenti di seconda fascia, il numero di donne e di uomini è il medesimo, mentre in merito alla Direzione generale, sia nel 2020 che nel 2022 l'incarico di direttore è stato affidato a un uomo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Branche scientifiche, a Unife le donne sono più del 50%: "Sopra la media nazionale"

FerraraToday è in caricamento