rotate-mobile
L'iniziativa / Poggio Renatico

Casette piene di libri liberi, il 'book crossing' spopola anche nel Ferrarese

Ognuno può prendere in prestito (o lasciare) un volume: "Promuoviamo la cultura"

Libri in prestito, in giro per il territorio. Una pratica sempre più frequente nel mondo che, pian piano, sta prendendo piede anche nel Ferrarese. Il movimento in gergo tecnico viene chiamato ‘Book crossing’ e consiste nella possibilità, da parte delle persone, di lasciare libri in luoghi pubblici affinché altri possano trovarli, apprezzarli e poi trasmetterli.

In italiano è possibile tradurlo con ‘Passamano dei libri’ ed è volto a favorire la lettura di testi, in particolare per le nuove generazioni, in un momento che vede i ragazzi spesso esclusi da qualsiasi proposta educativa culturale e completamente assorbiti dai social. 

Il progetto sta prendendo piede, in particolare, a Poggio Renatico: “Il significato di questa iniziativa – spiega Serena Fini, assessore all’Istruzione – non è solo quello di leggere libri usati, ma piuttosto quello di mettere in circolazione un testo, ‘liberarlo’, in modo che possa essere raggiunto da altri lettori, creando un sistema circolare di lettura fruibile a tutti”.

Dove sono, materialmente, questi libri? Per quanto riguarda il Comune di Poggio Renatico, al momento sono state allestite due strutture in plastica riciclata: una al parco del Ricordo (è stata donata con il ricavato del ‘Pranzo del primo maggio’ in via Borsellino) e la seconda nel parco della frazione di Gallo. “È un modo divertente e coinvolgente – conclude l’amministratrice - per promuovere l'alfabetizzazione e costruire un senso di comunità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casette piene di libri liberi, il 'book crossing' spopola anche nel Ferrarese

FerraraToday è in caricamento