rotate-mobile
Bilancio

Hera, 71 milioni distribuiti nel Ferrarese: differenziata al top e calano i gas serra

La multiutility traccia il bilancio degli ultimi dodici mesi: 30 le assunzioni, aiutate le famiglie

Hera, arriva il bilancio 2023. La multiutility ha, infatti, rendicontato i risultati raggiunti negli ultimi dodici mesi sul territorio ferrarese, sia in termini di valore economico delle proprie politiche, sia in termini ambientali, come la riduzione di immissioni di anidride carbonica equivalente, la raccolta differenziata e la rateizzazione delle bollette.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Valore economico

Nel corso del 2023, nella sola provincia di Ferrara il valore distribuito è stato pari a 71,4 milioni di euro, suddivisi tra lavoratori, azionisti, pubblica amministrazione e fornitori; sono circa 450 i dipendenti e una trentina le nuove assunzioni effettuate nell’area ferrarese lo scorso anno, a cui si aggiunge l’indotto occupazionale dei fornitori locali pari a quasi 200 posti di lavoro.

Anidride carbonica equivalente

Sul fronte neutralità di carbonio l’Azienda ha già ridotto del 14% le emissioni di gas serra (rispetto al 2019), in linea con l’obiettivo di riduzione del 37% al 2030. Questi dati considerano sia le emissioni dirette del Gruppo sia quelle dei clienti che sono diminuite anche in conseguenza degli interventi di efficienza energetica, per effetto del clima e della variazione dei comportamenti.

Il sistema di Ferrara ha un'impronta di carbonio pari a 0,099 chili di anidride carbonica equivalente per kWh termico venduto. Tale valore, effettuando una stima a parità di metodologia, risulta inferiore del 64% rispetto al calcolo riferito a una caldaia domestica tradizionale. Il dato ha portato a stimare un risparmio annuo di oltre 26mila tonnellate di anidride carbonica equivalente da parte del teleriscaldamento di Ferrara.

Raccolta differenziata

A Ferrara la raccolta differenziata ha raggiunto l’88% e per raccolta differenziata pro capite pari a 562 chili (dato 2022) la città è al primo posto della classifica di tutti i capoluoghi di provincia con una popolazione superiore ai 100mila abitanti. Inoltre, grazie ai diversi progetti di riuso in corso, in collaborazione con associazioni e onlus locali, sono stati recuperati farmaci non scaduti per un valore di 46mila euro e avviate al riutilizzo 31 tonnellate di ingombranti ancora in buono stato.

Rateizzazione delle bollette

Sempre con riferimento al 2023, nel 2023 nella provincia di Ferrara sono state rateizzate oltre 16.200 bollette a famiglie e aziende, oltre il 20% in meno rispetto al 2022, per un valore complessivo di 11 milioni di euro. Inoltre, sono 138, di cui 10 nella provincia di Ferrara, tra cui il capoluogo, i Comuni con i quali è stato sottoscritto un Protocollo di intesa per evitare la sospensione delle forniture alle famiglie in difficoltà economica seguiti dai Servizi Sociali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hera, 71 milioni distribuiti nel Ferrarese: differenziata al top e calano i gas serra

FerraraToday è in caricamento