rotate-mobile
Economia

Analisi globale e realtà locali: il recupero delle aree interne alla Scuola di sviluppo territoriale

La responsabile del settore Coordinamento delle politiche europee si è soffermata sull'argomento

Il valore della pianificazione strategica territoriale, l'intreccio tra i vari livelli di governance, la declinazione sui territori delle risorse messe a disposizione dall'Unione europea e dall'ente regionale. Senza tralasciare il rilancio delle aree interne, l'attenzione alle fragilità locali come criterio guida per l'assegnazione di risorse e la valorizzazione dell'interdisciplinarietà nell'approccio a tali materie. Sono i punti salienti affrontati da Caterina Brancaleoni, responsabile del settore Coordinamento delle politiche europee, programmazione, riordino istituzionale e sviluppo territoriale, partecipazione, cooperazione e valutazione della Regione Emilia-Romagna, nel corso dell'ultima lezione della Scuola di sviluppo territoriale, ideata da Confcooperative.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday 

"La figura del programmatore regionale delle politiche europee, responsabile della gestione dei fondi europei al livello della regione - ha spiegato Brancaleoni – risulta essere, per via della sua posizione intermedia tra le linee guida d'investimento europee e i bisogni locali dei comuni e delle città un mestiere complesso, ma al contempo una figura chiave nell'allineamento del territorio a un contesto di sviluppo globale". Globalità, aree vaste, orizzonti ampi. Sono questi in qualche modo gli asset che guidano la copiosa attività di programmazione dell'Emilia-Romagna, non a caso diventata sempre di più una locomotiva non solo a livello nazionale ma anche sul piano europeo. Tant'è che "è fondamentale che, chi fa programmazione, abbia la capacità di visualizzare gli sviluppi di futuri scenari globali, identificando in essi le sfide del domani e declinando tale visione su scala territoriale, orientando gli investimenti e i fondi affinché il territorio potrà competere ed essere preparato a tali scenari". 

Il vero obiettivo è quello di "operare scelte strategiche". Per farlo occorre che "l'analisi che si fa a livello globale, tenga conto delle singole realtà in cui poi le azioni verranno declinate". Di qui l'idea del bando per recuperare le aree interne, individuate dalla Regione sulla base di una serie di indicatori di criticità, che hanno permesso alle comunità locali di beneficiare non solo di fondi ma di una precisa strategia di rilancio e sviluppo. Un work in progress sulla quale si sta continuando a investire. "La figura del programmatore delle politiche europee – ha concluso Brancaleoni – è quella che dà concretezza alla filosofia dello sviluppo di un territorio, inteso come una rete di elementi interconnessi fra loro. La sua sopravvivenza e il suo sviluppo sono condizionati dalla sopravvivenza e sviluppo di ogni sua parte, dove squilibri o disomogeneità ne minano la stabilità. Lo sviluppo di un territorio si ha quando si assiste allo sviluppo di tutte le componenti di questa rete".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Analisi globale e realtà locali: il recupero delle aree interne alla Scuola di sviluppo territoriale

FerraraToday è in caricamento