rotate-mobile
Agricoltura

Agriday, focus sull'agricoltura del presente e del futuro

L'incontro con il sindaco è stato organizzato dagli studenti dell'Istituto Navarra

L'agricoltura ferrarese: oggi e nel futuro prossimo' come tema dell'incontro avvenuto giovedì 18 aprile all'Istituto Navarra, organizzato dagli studenti nell'ambito dell'appuntamento targato Agriday. Il sindaco Alan Fabbri è stato invitato come relatore, davanti agli studenti delle classi terze, quarte e quinte della scuola, del dirigente scolastico Massimiliano Urbinati e del rappresentante degli studenti Andrea Bergami.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

"Ringrazio il sindaco - ha esordito il dirigente scolastico Massimiliano Urbinati - per aver aderito a questo incontro organizzato dagli studenti del Navarra. In questi anni abbiamo visto una oggettiva apertura da parte di questa Amministrazione nei confronti del nostro Istituto di agraria. Si tratta di una collaborazione unica e preziosa per il nostro territorio, che conta la maggiore estensione in Italia in termini di terreni coltivabili, di cui la nostra scuola deve essere un traino importante". Il rappresentante degli studenti Andrea Bergami ha aggiunto che "gli Agriday vengono realizzati da tanti anni dal nostro istituto e sono organizzati 'dagli studenti per gli studenti'. Una volta era la scuola dell'agricoltura, ora a quest'ultima si legano anche gli importanti temi dell'ambiente".

Il primo cittadino ha ricordato l'importanza dell'agricoltura per il sistema economico e culturale ferrarese. Ha specificato che prima non c'era delega all'Agricoltura, perché questa era prima contemplata all'interno della più ampia e variegata delega delle Attività produttive. Ha raccontato come ha voluto dare più visibilità a questo settore con una delega ad hoc, affermando così il suo valore strategico, oltre che identitario, per il territorio. Agricoltura, per il primo cittadino ferrarese, vuol dire anche difesa dell'ambiente, come ha spiegato agli studenti, ricordando anche quanto è stato investito sulla sicurezza con bandi volti a tutelare gli stabilimenti agricoli contro i numerosi furti subiti dalle aziende del territorio. 

E poi ancora con un bando per finanziare e tutelare le aziende durante il Covid, con un dialogo diretto e costante con le associazioni di categoria, per intercettare insieme le risorse. Durante il mandato, è stata azzerata l'Imu sui fabbricati agricoli, magazzini e fienili, ed è stato abbassata l'Imu sui terreni agricoli per chi non è coltivatore diretto, per un valore di mezzo milione di euro in meno di tasse. In sinergia con l'assessorato all'Ambiente e le associazioni di categoria, si sta realizzando un vademecum sui comportamenti virtuosi che le aziende stanno perseguendo nel settore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agriday, focus sull'agricoltura del presente e del futuro

FerraraToday è in caricamento