rotate-mobile
Animali

Un giorno di lutto se muore il cane o il gatto: la rivoluzionaria proposta in Cile

La nazione sudamericana sta pensando a una legge che possa prevedere un giorno di lutto in caso di scomparsa di un animale domestico

La presenza di animali domestici in casa è sempre più diffusa, ad esempio nel nostro paese sono circa 65 milioni gli esemplari tra cani, gatti, uccelli e pesci che rendono le nostre giornate molto più allegre.

Chi ha un animale, sa perfettamente la gioia che si prova a condividere giornate ed esperienze in sua compagnia e fra i desideri più diffusi c’è proprio quello di non dover mai dire addio al pet. Il dolore per la perdita del proprio animale che è stato al nostro fianco nel bene e nel male può essere profonda e per molti è un momento da vivere in solitudine.

Questa necessità di affrontare il dolore o comunque di avere un momento di raccoglimento prima di dire per sempre addio al proprio gatto, cane o qualsiasi altro pet è entrato al centro del dibattito politico in Cile. Nel paese sudamericano, si sta prendendo in considerazione la possibilità di concedere un giorno di permesso a chi vive questa tragica esperienza.

Permessi retribuiti per la cura degli animali domestici: cosa dice la legge 

L’idea nata da un appello social

La proposta definita legge Duque, nasce a seguito di un appello sui social lanciato dal conduttore televisivo José Antonio Neme, che a seguito della perdita di Duque, il suo bulldog francese di 10 anni, si è rivolto direttamente al mondo politico.

Nel post il presentatore ha invitato le autorità a emanare una legge affinché chi ha perso il proprio animale domestico possa vivere un giorno di lutto per onorare la sua memoria e vivere il dolore.

La reazione del mondo politico

L’appello di José Antonio Neme non è rimasto inascoltato, anzi ha trovato alcuni sostenitori come i deputati Daniella Cicardini, Daniel Manouchehri, Pamela Jiles e Diego Schalper.

Questi, infatti hanno proposto la legge Duque partendo dal presupposto che gli animali presenti in casa sono a tutti gli effetti membri della famiglia. Per questo motivo, come è possibile vivere il lutto quando muore una persona cara, così deve accadere quando se ne va un animale domestico. Secondo il deputato Manouchehri la scomparsa di un pet è un dolore inenarrabile e per questo bisogna avere il tempo necessario per elaborarlo in modo adeguato.

Se la legge dovesse essere approvata, in Cile si potrà avere un giorno di permesso sul lavoro e un’assenza giustificata a scuola in caso di studenti. Per avere tutto questo, i deputati sanno bene che dovranno essere comunque modificati il Codice del lavoro e la Legge generale sull’istruzione. Inoltre, per ottenere il permesso, gli animali domestici dovranno essere presenti all’interno del registro nazionale.

In caso di via libera, la legge rappresenterà un passo in avanti importante per il riconoscimento del ruolo centrale degli animali nella vita delle persone.

Articolo originale su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un giorno di lutto se muore il cane o il gatto: la rivoluzionaria proposta in Cile

FerraraToday è in caricamento